Bonus immobili 2018, novità e riconferme
Mutui

Bonus immobili 2018, novità e riconferme

I Bonus Immobili 2018 e le agevolazioni proposte sono davvero vantaggiose, anche se stiamo vivendo un importante intreccio di scadenze e rinnovi. Il prossimo 31 dicembre scadranno, ma verranno rinnovati, alcuni bonus edilizi, in particolare l’ecobonus al 65% per gli interventi di riqualificazione energetica delle unità immobiliari, la detrazione irpef del 50%, legata agli interventi di recupero del patrimonio edilizio.

Il bonus mobili, o bonus arredi, è stato prorogato sino al 31 dicembre 2018. Si tratta di una detrazione per le spese, sostenute nel corso del biennio 2017-2018, per acquisto di mobili ed elettrodomestici, con un tetto di 10mila euro. La cedolare secca, per gli affitti a canone concordato, in scadenza al 31 dicembre, verrà stabilizzata e rinnovata.

Secondo la prossima legge di Bilancio 2018 rimarranno in vigore dunque, fino al 2021:

  • il sismabonus, con sconti sino all85% delle spese per interventi antisismici e miglioramento della sicurezza degli immobili. Già la vecchia legge di Bilancio aveva comunque previsto la stabilizzazione del sismabonus fino a tutto l’anno 2021. Verrà estesa anche a capannoni industriali e all’edilizia popolare;
  • l’ecobonus per i condomini, sia quello nella misura base del 65% che quello nella misura rafforzata, del 70-75%. La percentuale scenderà però al 50% per altre opere di miglioramento del risparmio energetico e di riduzione dell’impatto ambientale: in questo contesto verranno inclusi l’acquisto o la sostituzione di infissi, di caldaie a condensazione o a biomasse e schermature solari.

Verrà introdotto inoltre il cosiddetto Bonus Verde: una detrazione al 36% per sistemare a verde le aree scoperte che costituiscono pertinenze delle diverse unità immobiliari private. Possono essere inclusi terrazzi o giardini anche condominiali. Il bonus prevedere anche la possibilità di installare impianti condominiali o eseguire attività per il recupero del verde di giardini di interesse storico. Possono essere inclusi anche eventuali costi di progettazione e manutenzione.

Una delle novità più interessanti per i proprietari di casa sarà sicuramente quella sulle polizze: è infatti previsto un bonus fiscale per chi assicurerà la propria abitazione contro le calamità naturali. Scomparirà la “tassa occulta” del 22,25% al momento della sottoscrizione della polizza, oltre alla detrazione Irpef del 19%.